Ultimi giorni per partecipare al bando per la concessione delle palestre scolastiche provinciali presenti nel territorio di Arezzo in orario extrascolastico.  Possono presentare domanda le società e le associazioni sportive dilettantistiche aventi sede nel Comune di Arezzo o in comuni confinanti. La domanda va inoltrata all'indirizzo pec Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  entro le ore 12 di venerdì 20 agosto 2021. Le Palestre in oggetto sono la Palestra Grande e la Palestra Piccola del Liceo Scientifico "Francesco Redi" in via Leone Leoni; la Palestra Itis e la Palestra Silos-Pionta dell’Itis di via Galileo Galilei in via Menci n. 1; la Palestra dell’Istituto Istruzione Superiore "Vittoria Colonna", in via Porta Buia 6 e la Palestra Orafi I.P.S.I.A. "Margaritone”di via Fiorentina 179, tutte in Arezzo. Silvia Chiassai Martini, Presidente della Provincia di Arezzo dichiara : “La Provincia quale ente proprietario delle palestre scolastiche e di concerto con gli Istituti Scolastici, intende dare la più ampia fruizione degli impianti anche in orario extra scolastico, prevedendo al contempo una gestione omogenea, ottimale ed efficiente su tutto il territorio. L’obiettivo è la promozione dello sport e l’incentivazione della pratica sportiva e motoria da parte di tutte le categorie di cittadini, la creazione di una cultura improntata ai valori sani dello sport. L’attività sportiva rappresenta uno strumento diffuso di forte socializzazione ed accrescimento della qualità della vita, nonché un elemento fondamentale per la salute e l’educazione dell’individuo. La pandemia in corso ha costretto molte famiglie a lunghi periodi di isolamento, mettendo a dura prova l’equilibrio psico-fisico delle persone. A tale scopo, in considerazione della rilevante richiesta segnalata dal movimento sportivo aretino, anche questo anno, per la stagione 2021/2022, viene offerta la possibilità alle associazioni dilettantistiche di utilizzare i nostri impianti.” La documentazione dell’avviso e i relativi moduli sono scaricabili dal sito istituzionale della Provincia di Arezzo all’indirizzo https://www.provincia.arezzo.it/, cliccando nella sezione “Vetrina” della homepage.
16 agosto 2021

SILVIA CHIASSAI MARTINI, PRESIDENTE DELLA PROVINCIA : “abbiamo appena ricevuto l’ennesima buona notizia,14 milioni e 350 mila euro già stanziati per le scuole presenti in tutto il territorio ed in arrivo altri 37 milioni di euro che riguarderanno la cittadella di Arezzo”

Un traguardo storico per la Provincia di Arezzo che mette mano ad un totale restyling in termini di sicurezza in materia di edilizia scolastica destinando 14 milioni e 350 mila euro nelle varie scuole presenti nel territorio, cifra alla quale si va a sommare circa 700 mila euro già concessi per la progettazione. L’importante finanziamento per interventi negli Istituti Scolastici Superiori è stato infatti ammesso con il DM 192/2021 e con il DM 217/2021 pubblicato in questi giorni nel sito del Ministero dell’Istruzione. Le opere riguarderanno l’ ampliamento del complesso scolastico Licei di Montevarchi e precisamente per la nuova sede della succursale Istituto Magiotti per 3 milioni e 500 mila euro; l’ adeguamento statico della copertura e normativo, l' efficientamento energetico dell'IPSIA Margaritone di Arezzo- Succursale Orafi Via dei Golgi 38 per 540 mila euro; l’ adeguamento statico dei corpi B e C dell'ITIS G. Galilei di Arezzo - Sezione meccanci per 150 mila euro ; l’adeguamento sismico e della succursale del Liceo Città di Piero in Via Inghirami, Sansepolcro per 1 milione e 200 mila euro; l’ adeguamento sismico, messa in sicurezza e adeguamento alla normativa antincendio ed efficientamento energetico della palestra I.S.I.S A. Vegni delle Capezzine di Cortona per un 1 milione e 250 mila euro ed infine i lavori di adeguamento statico della sede dell'IPSIA Margaritone in Via Fiorentina ad Arezzo per 895.400 euro. I sei interventi sono già nella fase di affidamento per gli incarichi di progettazione. A questi vanno aggiungersi ulteriori due interventi che sono già in fase di progettazione di euro 4.749.176,80 per ristrutturazione ed ampliamento della sede centrale dell'ITIS di Arezzo, lotto relativo al completamento dell'ala su Via Piero della Francesca e per un euro 2.062.335,20 per la demolizione e la nuova costruzione della palestra dell'Istituto di Istruzione secondaria E. Fermi di Bibbiena. Questi interventi permetteranno di risolvere definitivamente i problemi di spazi che da anni alcuni dirigenti segnalano per l'aumento delle iscrizioni in alcuni istituti e per l'impossibilità di ampliare alcuni edifici storici  vincolati dalla sovrintendenza. "Come responsabile nazionale per le Province italiane dell'edilizia scolastica, - dichiara la Presidente Chiassai Martini - sono molto soddisfatta del lavoro che a livello ministeriale e governativo siamo riusciti a fare in questi ultimi due anni. Questo è il segno che anche a livelli centrali è stata compreso l' errore del depotenziamento delle Province che ha danneggiato fortemente i servizi ai cittadini, soprattutto gli studenti che da decenni si trovano immobili non più sicuri e che necessitano di luoghi all'avanguardia e accoglienti per una scuola di qualità anche dal punto di vista strutturale. "

La Presidente della Provincia di Arezzo Silvia Chiassai Martini sta lavorando incessantemente in vista della ripresa a settembre del nuovo anno scolastico 2021-22 : “Dalle prime interlocuzioni con il Ministro dell’Istruzione Bianchi è chiaro l’obiettivo di ripartire al 100% in presenza in tutte le scuole di ogni ordine e grado. Losservanza delle misure necessarie per la prevenzione del contagio rimangono fondamentali, come il distanziamento resta prioritario ma non dirimente. Si potrà non utilizzare la mascherina dove sarà possibile mantenere 1 metro tra le rime buccali degli studenti e 2 metri dalla cattedra, nelle scuole dove tale distanziamento non è possibile per motivi strutturali, resta obbligatorio invece l’uso dei dispositivi di sicurezza. Sin dal mio insediamento infatti mi sono adoperata con i miei uffici, per trovare una soluzione alla carenza cronica di spazi, facendo una capillare ricognizione su tutto il territorio provinciale, per soddisfare le esigenze degli Istituti, spazi in più che in seguito alla pandemia sono ritenuti fondamentali per il distanziamento sociale e per permettere la didattica in presenza. Per questo l’Amministrazione Provinciale non si è tirata indietro per fare interventi di adeguamento e sostenere i costi necessari per l’affitto di ulteriori strutture ad uso scolastico. In materia di trasporti, viene prevista la capienza dei mezzi pubblici dell’ 80% e l’attività sarà riorganizzata attraverso i tavoli prefettizi, con il rinnovo del finanziamento del progetto “ti accompagno” per gestire l’affluenza alle fermate. La situazione è quindi costantemente attenzionata su tutto il territorio provinciale in stretta sinergia con i Dirigenti Scolastici ed i Sindaci per una ripresa a settembre in sicurezza della scuola.”

 

 

 

Silvia Chiassai Martini Presidente della Provincia di Arezzo : “Opportunità per la riqualificazione del patrimonio storico e la crescita culturale di Cortona ”

 

 

 

E’ partita la procedura pubblica di alienazione da parte della Provincia di Arezzo del complesso storico del l’ex Ospedale di Santa Maria della Misericordia in Cortona, per il quale il Presidente della Provincia Silvia Chiassai Martini auspica l’interesse di soggetti pubblici o privati volti alla valorizzazione di un bene storico del nostro territorio.

La procedura è visionabile sia nell’Albo pretorio della Provincia che nell’Albo pretorio del Comune di Cortona, il cui bando di gara scadrà il prossimo 18 ottobre, quando si svolgerà l’ asta pubblica dalla quale si auspica possa venir fuori il soggetto pubblico o privato a cui affidare il rilancio in parola.

Si parte da un prezzo a base d’asta di euro 1.800.000,00 con rialzo minimo pari ad euro 20.000,00 e la formulazione delle offerte dovrà pervenire entro le ore 12.00 del 15 ottobre.

Silvia Chiassai Martini dichiara orgogliosa di aver finalmente sbloccato la procedura : “E’ un immobile il cui pregio, di epoca medievale i cui lavori di realizzazione si presume siano iniziati intorno al XIV secolo per finire nel secolo XV. Lavori di pregevole fattura compreso l’elegante e leggero Portico ad undici arcate, restaurato recentemente. L’edificio negli anni è stato più volte modificato per essere adattato alle esigenze ospedaliere, ma è indubbio che ci si trova di fronte ad un complesso che merita di essere assolutamente valorizzato. Perse la sua funzione ospedaliera a seguito della realizzazione del nuovo Ospedale in Località “La Fratta” di Cortona, che ne determinò nel 2009 l’acquisto da parte della Provincia di Arezzo con una prima intenzione di destinarlo ad uso scolastico per poi seguire alterne vicissitudini che con grande fatica abbiamo finalmente risolto . Oggi, l’auspicio rimane che questa offerta trovi adeguate manifestazioni di interesse per il bene della nostra comunità e del centro storico di Cortona, una tra le più significative realtà artistiche e turistiche di cui il nostro Paese deve andare fiero. A tutela dello stesso centro storico, la destinazione dell’immobile resta immutata, ad uso culturale, campus universitario e finalizzato anche alla progettazione e alla formazione, sperando da parte di realtà private e magari straniere, che possano avere la capacità finanziaria per la rinascita di un immobile di pregio, in una città particolarmente amata all’estero per le sue bellezze uniche. Purtroppo in modo incauto ed approssimativo, l’Ente che oggi rappresento acquistò nel 2009, una struttura palesemente inadeguata alle funzioni istituzionali della Provincia, l’idea di trasformare un ospedale in un edificio storico e vincolato dalla Sovrintendenza in scuola superiore, fu una scelta senza alcuna programmazione né tecnica né economica. È impensabile per un ente pubblico riuscire ad adeguare una struttura così complessa e vincolata in una scuola superiore, tant’è che in questi anni non è stato fatto né un progetto tecnico né un piano di fattibilità economica, che apparentemente si sarebbe aggirato intorno alla cifra astronomica di circa 9 milioni di euro. Dopo una vendita che ha generato grossi problemi e non andata a buon fine, abbiamo lavorato duramente sin dal mio insediamento per svincolare l’immobile da un vincitore inadempiente e poterlo rimettere in vendita alla stessa cifra a cui anni fa la Provincia lo acquistò. Questo è un esempio emblematico della cattiva capacità amministrativa di chi mi ha preceduto, che per motivi lontani dall’interesse pubblico fece scelte oggettivamente incaute e senza un piano economico finanziario che ne motivasse l’acquisto. Un gran passo risulta quindi fatto e la speranza è che questa opportunità non cada nel vuoto e sia l’occasione per la  valorizzazione del centro di Cortona.”

La Provincia di Arezzo da domani giorno 28 luglio, eseguirà un intervento di bitumatura del manto stradale di Ponte di Pratantico lungo la S. R. T. n. 69 detta "di Val d'Arno. I lavori consisteranno nella completa rimozione dell'attuale strato bitumato usurato, nella ricostruzione delle quote di scolo delle acque di prima pioggia; per poi procedere al completo rifacimento del manto stradale con

La Provincia di Arezzo ha indetto una selezione pubblica, per titoli e colloquio, per designare il consigliere o la consigliera di Parità effettivo/a e supplente. Compiti della consigliere/a di parità, sono la promozione ed il controllo dell' attuazione dei principi di uguaglianza di opportunità e di non

Questo sito NON utilizza cookies di profilazione, utilizza invece cookies tecnici e di terze parti. Per conoscere quelli utilizzati e la loro disabilitazione consulta l'Informativa completa. Cliccando su Accetto o proseguendo nella navigazione del sito (click, scroll, etc.), presti automaticamente il consenso al loro utilizzo.